A Roma arriva il Global Junior Challenge, l’innovazione al servizio dell’inclusione sociale

Sono 109 i progetti per l’innovazione sociale già realizzati, operativi e funzionanti che arrivano a Roma da 32 paesi del mondo per l’evento conclusivo della V edizione del concorso internazionale Global Junior Challenge.

Oltre il 40 per cento dei progetti sono collaborazioni transnazionali, che coinvolgono fino a 100 scuole in Paesi diversi e, nell’80 per cento dei casi, hanno per protagonista la scuola attraverso collaborazione trasversali con università, enti di ricerca o associazioni non profit. In finale anche 40 scuole italiane.

Il programma di iniziative, dal 7 al 9 ottobre, inizia con la prima conferenza internazionale sull’innovazione sociale “Social Innovation for a Better World in Our Time”, organizzata nella storica scuola romana I.T.I.S. Galilei. Introdotta dal professor De Mauro, della Fondazione Mondo Digitale, la conferenza pone a confronto idee ed esperienze di 30 esperti internazionali per costruire un’alleanza globale tra innovatori sociali (informazioni e programma su www.gjc.it e www.socialinnovationconference.org ).

L’8 ottobre, a piazza Vittorio, serata musicale dedicata all’incontro tra generazioni e culture. Il 9 ottobre, in Campidoglio, si tiene la cerimonia di consegna di due riconoscimenti particolari, il Premio speciale del Presidente della Repubblica, per i progetti più innovativi realizzati dalle scuole italiane e lo Small Fund Award, un piccolo finanziamento per i progetti provenienti dalle aree povere del mondo.
Nel pomeriggio i vincitori sono ricevuti dal Presidente della Repubblica al Quirinale.

Informazioni su www.mondodigitale.org

Brogli ai test di Medicina alla Sapienza di Roma.

Tremila euro e’ il costo per assicurarsi l’ingresso alla facoltà di Medicina alla Sapienza di Roma. L’aspirante medico era pronto a pagare tale somma a uno studente più esperto per l’ammissione al corso di laurea. Ma tra gli studenti c’erano anche poliziotti in borghese che si sono accorti che un candidato, dopo aver esibito un documento sul quale risultava chiamarsi V.G., aveva apposto sul verbale della commissione un firma diversa da quella riportata sulla carta d’identità presentata. A seguito di indagini, il documento è risultato contraffatto e il giovane, condotto in commissariato, ha confessato di essersi più volte “sostituito” ad altri candidati per eseguire al loro posto i test.

G8: l’Onda occupa La Sapienza di Roma.

Decine di studenti dell’Onda hanno occupato, ieri 6 luglio, gli uffici del rettorato dell’Universita’ La Sapienza di Roma. L’azione e’ stata fatta per protestare contro ‘gli arresti degli studenti a Torino nello scorso maggio’. Infatti l’Onda contesta la ricostruzione fornita dai giudici, e centinaia di studenti occupano per protesta gli uffici dei rettori della Sapienza a Roma, di Ca’ Foscari a Venezia, delle università di Bologna, Milano, Napoli, Palermo e Pisa. “Quella dalla Procura di Torino – scrivono in un volantino – è stata una repressione ordinata dal ministero dell’Interno alla magistratura. Un atto più che scontato che soggiace direttamente alle direttive di Maroni”.

Nuovo servizio “Informagiovani” del Comune di Roma


Più sportelli, un portale web, più contenuti e attività: queste le novità offerte ai ragazzi dal servizio di informazione e orientamento “Informagiovani”, dopo il rinnovo promosso dall’assessorato alle politiche per la Gioventù.

Il nuovo assetto, affidato alla società Zètema Progetto Cultura fino alla fine del 2011, segue le linee guida dettate dal Coordinamento Nazionale Anci e presentate a Roma lo scorso 4 e 5 maggio. Il nuovo gestore procederà all’assunzione a tempo indeterminato del personale necessario, attraverso una selezione pubblica.

11 postazioni, quindi, 3 in più rispetto al passato: una all’Università di Roma Tre e due nelle biblioteche. Oltre le tradizionali attività di orientamento nelle scelte scolastiche e professionali e di informazione soprattutto culturale, i punti “Informagiovani” forniranno anche un supporto per la comunicazione e promozione di eventi realizzati dai giovani.

«Il rilancio del Sistema Informagiovani – spiega l’assessore Marsilio – va ad integrare le azioni che come assessorato della Gioventù stiamo portando avanti nell’ambito delle politiche giovanili. Un servizio rinnovato, che si arricchisce di attività ed informazioni legate al mondo della cultura, alla creazione di nuovi spazi ed attività per i giovani, alla promozione della creatività e dell’innovazione culturale ed educativa. Inoltre, si tratta di una riorganizzazione che si è resa necessaria a fronte di un Servizio importante per il protagonismo giovanile che da tempo versava in una condizione di stasi, senza alcuna garanzia di continuità del servizio, creando incertezza tra gli operatori del settore».

Allarme allergia da polline per un romano su quattro.

Allarme allergia da polline a Roma: si calcola che il 25% della popolazione capitolina soffra di allergie più o meno gravi al polline. Da un paio di anni i medici di base e specialisti hanno denunciato una netta crescita di casi di allergie ed asma rispetto agli anni scorsi: sia tra gli adulti sia tra i bambini. Le cause principali sono da ricercare nelle graminacee (fieno e gramigna) e parietarie (ortica), ma anche in castagni e ulivi. Tra le patologie più frequenti pesanti disagi respiratori, asma, allergie, congiuntiviti, raffreddori e problemi cutanei. Leggi tutto »

Visitare Roma in primavera. Tante occasioni per studenti e professori

Da aprile a giugno la Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma organizza, in collaborazione con Zetema, visite didattiche gratuite nei Musei e nei siti archeologici e monumentali della città.

L’iniziativa è rivolta a studenti e professori delle scuole di ogni ordine e grado e dell’Università che possono scegliere tra un’ampia proposta di visite. Per la parte archeologica si organizzano percorsi sia oltre le mura della città (Parco degli Acquedotti, Parco della Caffarella, Villa dei Gordiani) sia al centro (Teatro di Marcello); per le aree monumentali la scelta è tematica: la città rinascimentale di Via Giulia o quella barocca di Piazza Navona, gli interventi settecenteschi di Scalinata di Trinità dei Monti e Fontana di Trevi o quelli successivi, di Roma Capitale, a Corso Vittorio Emanuele.

Oltre al centro storico, gli studenti potranno conoscere in maniera più approfondita anche rioni e monumenti meno centrali, ma ugualmente interessanti dal punto di vista culturale, storico e architettonico, come la Garbatella, la chiesa di Meier a Tor Tre Teste, il quartiere Tuscolano o la fontana giardino di Piazza Mazzini.

Alcune strutture del Sistema Musei Civici di Roma apriranno gratuitamente le loro sale: i Musei Capitolini proporranno visite alla mostra “Beato Angelico. L’alba del Rinascimento”; il Museo dei Fori Imperiali e i Mercati di Traiano organizzeranno una caccia al tesoro attraverso la tecnologia dei tag (Tag my Museum); l’Ara Pacis proporrà laboratori didattici alla mostra di “Alessandro Mendini”. Anche il Museo della Civiltà Romana e il Museo Napoleonico offriranno visite interattive a mostre e laboratori didattici per varie fasce di età.

Importante infine la proposta di attività didattiche per studenti non vedenti e ipovedenti presso i Musei Capitolini, i Mercati di Traiano e il Museo della Civiltà Romana.

Per informazioni e prenotazioni:
tel. 06 42 88 88 88 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18, il sabato dalle 9 alle 13.

Per conoscere tutte le altre offerte didattiche si possono consultare i siti www.zetema.it www.museiincomuneroma.it.

18 marzo, Roma: torna in piazza l’Onda

foto 527L’Onda, contro tutti quelli che si facevano domande sullo stato di salute del movimento, torna in piazza domani. Torna a prendere parola nel giorno dello sciopero di scuola e università indetto dalla Flc-Cgil per il 18 marzo. Si partirà alle 9 dal piazzale della Minerva della Sapienza.

“Il protocollo di restrizione dei percorsi dei cortei, firmato a Roma in questi giorni, insieme alla limitazione del diritto di sciopero, con ricadute pesantissime su chi proverà a bloccare la mobilità cittadina inceppando la produzione metropolitana – riferisce l’appello della Sapienza – non ci impedirà di tornare a praticare conflitto in forme selvagge e imprevedibili come ci avete visto fare in autunno”.

Caratterizzati da autonomia e irrapresentabilità, dagli albori le basi del movimento studentesco, l’Onda tornerà a bloccare la capitale. Anche se in questi mesi non è stata con le mani in mano, ma solo fuori dai riflettori: l’Onda Anomala è, infatti, un cantiere in pieno fermento tra assemblee, discussioni e “mareggiate” continue sul web.

Dopo l’approvazione della legge 133 e del dl 180, cioè la riforma Gelmini sull’università, si misurano i primi effetti. Ma tra i motivi della protesta c’è anche il ddl 116, meglio conosciuto come norma “ammazzaprecari”, che dev’essere approvato dal Senato entro marzo.

Nello stesso giorno sarà “in Onda” tutt’Italia: Torino, Palermo, Roma. E poi Padova, Napoli, Milano, Genova. Gli universitari ci saranno, insieme ai ricercatori e lavoratori precari degli atenei.

Sentiremo di nuovo quello slogan diventato ormai familiare.

“Noi la crisi non la paghiamo”.

“Martedì d’autore” alla Sapienza: tra(sgre)dire la verità

quotContinua la rassegna della Sapienza “Martedì d’autore”. Martedì 17 marzo, alle ore 19.30, presso il Centro Congressi della Facoltà di Scienze della Comunicazione, l’appuntamento sarà dedicato ad una serie di riflessioni sul giornalismo italiano.

Dibattiti, trasformazioni, paure ed errori del mondo del giornalismo saranno discussi da Vittorio Roidi che, presentando il suo libro “Cattive notizie”, traccerà delle linee chiarificatrici sui nodi più intricati a proposito di etica e responsabilità del giornalista nel comunicare le notizie al grande pubblico. Sottolineando il particolare ruolo che riveste l’etica giornalistica, Roidi punta il lavoro di correzione del giornalismo italiano, corrotto e influenzato da sempre, innanzitutto sulla questione morale del giornalista.

Interverranno all’incontro: Giovanni Ragone, professore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi (Facoltà di Scienze Umanistiche – Sapienza Università di Roma), Roberto Natale, presidente della Fnsi; Roberto Martinelli, giornalista de “Il Messaggero”; Sergio Rizzo, giornalista del Corriere della Sera. Coordina Gloria Gabrielli, professoressa di Storia Contemporanea e della Comunicazione (Facoltà di Scienze della Comunicazione – Sapienza Università di Roma).

Nello scorso appuntamento erano stati presentati altri due libri: “I giovani e la fede” di Rita Dietrich, spaccato di un’Italia giovane che vuole credere nell’amore e nell’amicizia, e “Degenerazioni – Droga, padri e figli nell’Italia di Oggi” di Alessandro Barbano, analisi della reazione adulta alla trasgressione giovanile.

Il 3 marzo, invece, l’appuntamento con “Martedì d’autore” era stato dedicato alla comicità: Giobbe Covatta e Marco Marzocca avevano portato il loro background umoristico al servizio degli studenti di Scienze della Comunicazione e del corso in scrittura comica della SDA Scuola di Autori AICAB.

Tensione all’università di Roma Tre, feriti due studenti di sinistra

roma tre

Tensione all’Università di Roma Tre. Due studenti della facoltà di Scienze Politiche sono stati trasportati in mattinata al pronto soccorso del vicino Cto. I due, che appartengono al collettivo universitario (politicamente di sinistra), hanno raccontato di essere stati malmenati da alcuni ragazzi, uno dei quali armato anche di spranga. Uno dei feriti avrebbe riportato un trauma cranico.

In una nota il collettivo degli studenti di Scienze Politiche non ha dubbi nell’addossare la colpa agli studenti di destra: “Almeno 15 fascisti della facoltà ed esterni alla stessa, con la scusa di un volantinaggio per promuovere un’iniziativa su Gabriele Sandri, che dovrebbe essere ospitata proprio dalle strutture universitarie, hanno effettuato una vera e propria azione squadrista all’entrata della Facoltà. Caschi e bastoni non erano lì per caso e hanno colto di sorpresa gli studenti e le studentesse, già oggetto di minacce nella mattinata, minacce molto frequenti negli ambienti universitari di Roma3, dove le istituzioni si mostrano tolleranti verso organizzazioni neofasciste come Azione Universitaria o Blocco Studentesco”.

Pronta è giunta la replica di Azione Universitaria. Secondo gli studenti di destra, loro non sono gli aggressori, ma gli aggrediti: “Mentre pubblicizzavamo un’iniziativa sulla presentazione del libro su Gabriele Sandri, i soliti nostalgici delle contrapposizioni ideologiche hanno pensato bene di aggredire i nostri ragazzi. Oggi come ieri non ci siamo fatti intimorire, continuando sulla nostra strada, sicuri che il cambiamento in atto in Italia ed a Roma sia prossimo anche nelle università”. Il movimento ha chiesto al preside della facoltà di “placare gli animi e ripristinare la calma che dovrebbe caratterizzare gli atenei”.

A spasso nella Roma imperiale con Google Earth

il colosseoIl Foro Romano, il Colosseo, l’Arco di Costantino: edifici e monumenti simbolo dell’antica Roma, pietre miliari della nostra cultura e civiltà. Eppure, se pensiamo che soltanto 300 resti dell’antico splendore si sono conservati fino ai giorni nostri,è diventato essenziale trovare metodi nuovi e fantasiosi per dare la possibilità agli studenti di oggi e domani di continuare a studiare la storia di Roma. Da qui nasce il progetto “Roma Antica in 3D”, ora disponibile su Google Earth e accessibile da earth.google.it/rome
Lanciato ufficialmente in questi giorni il nuovissimo livello di Google Earth che consente di viaggiare indietro nel tempo, per vedere la Capitale così come appariva nel 320 Dopo Cristo.
Con questa novità, selezionabile all’interno del software sotto il menù “Galleria” è possibile volare sopra la città ed esplorare oltre 600 edifici in 3D, molti dei quali in alta definizione ed alcuni anche visitabili all’interno.
Per la realizzazione il colosso americano ha collaborato con il progetto “Rome Reborn” presso l’Università della Virginia. Per ciascun monumento o luogo ci sono indicazioni storiche dettagliate.