Una rassegna cinematografica dedicata ai giovani alla Casa della Memoria e della Storia

Sulla bellissima terrazza della Casa della Memoria e della Storia di Roma si svolge il 14, 15 e 16 luglio (alle ore 21) la sesta edizione della rassegna cinematografica “Cinema, storia e…”, dedicata questa volta a “I giovani” .

Tre serate di fiction e documentari per approfondire la conoscenza di alcuni aspetti di una realtà così importante e complessa come quella giovanile. L’iniziativa è curata da ANED e IRSIFAR.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Ecco il programma delle tre serate:

14 luglio 2009 ore 21
“Caterina va in città” film di Paolo Virzì
“Ieri all’università” documentario di Sergio Zavoli

15 luglio 2009 ore 21
“Juno” film di Jason Reitman
“Storia di Filomena e Antonio (l’eroina a Milano)” documentario di Antonello Branca

16 luglio 2009 ore 21
“Sweet sixteen” film di Ken Loach
“Pinocchio nero” spettacolo di Marco Baliani

Info:
Casa della Memoria e della Storia Via San Francesco di Sales, 5 (Trastevere)
da lunedì a sabato 9 – 19, domenica chiuso
Tel. 060608, 06 6876543, www.casadellamemoria.culturaroma.it

Allarme droga a Roma.

“L’uso di droghe e’ dilagante” e “sono almeno 100 mila” le persone che fanno un uso abituale di stupefacenti, così ha dichiarato l’Agenzia capitolina per le tossicodipendenze al convegno di ieri in Campidoglio «Libertà dalle droghe», promosso in collaborazione con l’assessorato alle politiche educative.
Cambia la geografia della droga in città: diminuiscono i morti per overdose da eroina, ma sale il consumo di cocaina in tutti gli strati sociali. Nel 2008 gli utenti dei 17 Sert gestiti dalle Asl sul territorio del Comune di Roma sono stati 13.274, mentre gli assistiti nei centri diurni e notturni e nelle comunità di recupero dell’Agenzia sono stati 1.700. Leggi tutto »

Nuovo servizio “Informagiovani” del Comune di Roma


Più sportelli, un portale web, più contenuti e attività: queste le novità offerte ai ragazzi dal servizio di informazione e orientamento “Informagiovani”, dopo il rinnovo promosso dall’assessorato alle politiche per la Gioventù.

Il nuovo assetto, affidato alla società Zètema Progetto Cultura fino alla fine del 2011, segue le linee guida dettate dal Coordinamento Nazionale Anci e presentate a Roma lo scorso 4 e 5 maggio. Il nuovo gestore procederà all’assunzione a tempo indeterminato del personale necessario, attraverso una selezione pubblica.

11 postazioni, quindi, 3 in più rispetto al passato: una all’Università di Roma Tre e due nelle biblioteche. Oltre le tradizionali attività di orientamento nelle scelte scolastiche e professionali e di informazione soprattutto culturale, i punti “Informagiovani” forniranno anche un supporto per la comunicazione e promozione di eventi realizzati dai giovani.

«Il rilancio del Sistema Informagiovani – spiega l’assessore Marsilio – va ad integrare le azioni che come assessorato della Gioventù stiamo portando avanti nell’ambito delle politiche giovanili. Un servizio rinnovato, che si arricchisce di attività ed informazioni legate al mondo della cultura, alla creazione di nuovi spazi ed attività per i giovani, alla promozione della creatività e dell’innovazione culturale ed educativa. Inoltre, si tratta di una riorganizzazione che si è resa necessaria a fronte di un Servizio importante per il protagonismo giovanile che da tempo versava in una condizione di stasi, senza alcuna garanzia di continuità del servizio, creando incertezza tra gli operatori del settore».

Ecolampadine in omaggio a Roma. Da “Fare Ambiente” una campagna per l’energia pulita

Nuove lampadine a basso consumo in cambio di vecchie non ecologiche, il tutto in favore dell’ambiente. “Barattiamo una vecchia lampadina per una a basso consumo. Questa è la campagna che lanceremo già nei prossimi giorni a Roma per contribuire a diffondere l’educazione al risparmio energetivo e quindi all’educazione ambientale soprattutto fra i giovani”. E’ quanto ha dichiarato Piergiorgio Benvenuti, Responsabile delle Relazione Istituzionali e Coordinatore per il Lazio del Movimento Ecologista Europeo – Fare Ambiente.

“Invitiamo nei prossimi giorni i giovani di età sino ai 21 anni a recarsi presso la nostra sede di via Nazionale, 243 per consegnare una vecchia lampadina e per riceverne in cambio una a basso consumo, iniziativa che porteremo anche in alcune piazze della Capitale”.

“FareAmbiente – prosegue Benvenuti- dopo aver sollecitato con successo la presentazione il 23 luglio 2008 del disegno di legge, successivamente convertito in legge, che impone, l’obbligatorieta’ dell’Educazione Ambientale nelle Scuole, si fa interprete sul territorio di una serie di campagne mirate per favorire l’educazione e l’attenzione all’ambiente”.

“Il settore dell’illuminazione domestica, ad esempio, ha una sua importanza energetica: in Italia la quota annua di energia elettrica destinata a tale uso è pari al 13 % del consumo totale di energia elettrica nel settore residenziale, circa 3000 kWh/anno, pertanto abituarsi ad un comportamento corretto all’utilizzo di lampade a basso consumo determina un risparmio di energia e di denaro”.

“Sostituire una lampadina ad incandescenza da 100 W con una del tipo a basso consumo produce un risparmio di 15 euro l’anno ed una minore emissione di CO2 di circa 60 Kg. Come spegnere le luci quando non servono -prosegue Benvenuti- è un comportamento ecologicamente più corretto. Una lampadina da 100 W lasciata accesa per 4 ore al giorno in una stanza costa 15 euro l’anno e 60 Kg di CO2 rilasciati in atmosfera”.

“Prestiamo infine la massima attenzione circa la proposta illustrata recentemente dal Sindaco di Roma Alemanno di diffusione di piccoli impianti di energia alternativa sulle case dei romani con specifiche agevolazioni, che rappresenta un progetto di condivisione di una concreta cultura ambientale, ma soprattutto un progetto concreto rendendo Roma, Capitale pilota per l’energia alternativa”. “La volontà di creare una cultura concreta e diffusa dell’attenzione all’ambiente e quindi alle fonti di energia alternativa sono gli obiettivi prioritari del nostro Movimento che si sta diffondendo sull’intero territorio nazionale con oltre 90.000 adesioni –prosegue Benvenuti- e la proposta avanzata dall’amministrazione comunale di Roma di mettere a disposizione dei crediti da parte della Cassa depositi e prestiti e da parte di altre banche, in modo di facilitare l’installazione di impianti fotovoltaici o di altro tipo di energia alternativa a costo zero, rappresenta un progetto importante, pilota e che deve diventare un esempio in più larga scala nel nostro Paese”.

Presentato “Teatri del tempo presente”, dal 15 al 30 maggio al teatro Valle di Roma


Si svolgerà a Roma, presso il Teatro Valle e nel vicino Palazzo Altemps dal 15 al 30 maggio, la seconda edizione dei “Teatri del tempo presente, dieci progetti per la nuova creatività”.
L’evento, promosso dall’ETI (Ente Teatrale Italiano) a favore del rinnovamento e del ricambio generazionale, incrocia la delicata questione del lavoro creativo delle giovani generazioni teatrali, proponendo prospettive di impegno e sostegno concreto. Come sottolinea lo stesso ETI, ai dieci progetti selezionati corrispondono ben 25 creazioni che sono l’effetto dell’incontro dei proponenti – 18 tra teatri stabili pubblici e privati, residenze teatrali, festival e compagnie – ed il lavoro di oltre 40 artisti.

Un progetto che segna la diversa modalità d’intervento dell’Ente, che ha invitato i proponenti ad intercettare e sostenere progetti creativi originali di singoli artisti e formazioni under 35, lavorando per mettere in relazione i maestri e le giovani promesse della scena, per avviare collaborazioni sia coi circuiti che con esperienze artistiche internazionali.

La manifestazione, inserita nell’ambito del “laboratorio” Valle, mira all’interdisciplinarietà e all’incontro tra personalità artistiche di diversa formazione e provenienza, come fa notare Ninni Cutaia, direttore generale dell’ETI, il quale in conferenza stampa parla di “intervento di sistema” . “Fuori da ogni logica dirigistica, è stata chiesta alle strutture teatrali una corresponsabilizzazione sul nucleo artistico da individuare e sostenere, nella convinzione che una moderna collaborazione tra un’istituzione nazionale e soggetti che operano nel territorio possa generare frutti positivi con ragionevoli possibilità di futuro”.

I dieci progetti, selezionati tra 74 richieste di partecipazione da parte di teatri stabili privati e pubblici, festival e compagnie, arrivano a Roma dal Nord e dal Sud dell’Italia per aprirsi ad un confronto, una prima visione dei lavori i cui esiti iniziali sono già il risultato dell’interazione tra soggetti consolidati ed i nuovi talenti.

Sviluppate e tradotte in spettacolo nell’arco di un anno, dalle stimolanti sperimentazioni emerge un forte carattere di diversificazione e una pluralità di modi espressivi, “una ricchezza che va promossa”. Chiaro l’obiettivo di intervenire, incidendo in maniera concreta, sulla trasformazione teatrale in Italia, come spiega Cutaia illustrando le finalità del progetto: “Non esiste un solo modo, ma un’istituzione deve sforzarsi di conseguire obiettivi e strategie adeguate al tema, per evitare che nel campo del Teatro vi sia un invecchiamento e una fossilizzazione della proposta, per evitare che si produca una pratica e un’immagine di un Paese che guarda indietro e non al presente e al suo futuro”.

Questi i nomi dei dieci progetti che vedranno gli artisti esibirsi al Teatro Valle, nella Sala Capranica e a Palazzo Altemps: Fies Factory One’, ‘Work in progress’, ‘L’albero rovesciato’, ‘Facciamo insieme teatro’, ‘Sensi e dissensi’, ‘Alieno’, ‘Nuove creatività’, ‘Seigradi’, ‘Esercizi di lingua violenta’ e ‘Drammaticamente in scena’. Venticinque saranno invece gli spettacoli inseriti all’interno di un ricco e stimolante calendario, portati in scena dagli oltre 40 professionisti. Un momento di verifica e di incontro insomma, ma anche un’opportunità, per i giovani artisti, di visibilità e di confronto diretto con il pubblico e gli operatori, nel segno di una collaborazione virtuosa tra il Teatro Valle e l’Ente Teatrale Italiano.

Biglietto unico giornaliero Teatro Valle € 5.00
Ingresso libero spettacoli e performances a Palazzo Altemps e Sala Capranica del Teatro Valle
Abbonamento a tutta la rassegna € 25,00

Teatro Valle
biglietteria 06.68803794
numero verde 8000.11616

Ancora coltelli e bullismo a Roma. Marsilio: mancano i valori


Di nuovo coltelli, di nuovo ragazzini.

Prima del suono della campanella oggi, alla scuola media “Giovanni e Francesca Falcone” di San Vittorino Romano, non c’è stata quell’agitazione eccitata della fine della lezione ma un colpo secco.
Coltello a serramanico nel fianco sinistro di un 15enne. Fortunatamente non è in pericolo di vita.

Nelle ultime settimane non si sente altro che accoltellamenti. Scatta allora l’allarme. E Alemanno ribadisce con voce più alta quello che aveva già ripetuto varie volte in questi ultimi giorni. Ha scritto, infatti, ai ministri dell’Interno Roberto Maroni e della Giustizia Angelino Alfano per chiedere di inasprire le pene e permettere l’arresto di chi gira con un coltello in tasca: “Quello che emerge – ha detto Alemanno – è l’uso nefasto di coltelli e taglierini da parte di giovanissimi. Serve accelerare la normativa che ci permetta veramente di impedire che si portino in tasca armi bianche. Dobbiamo aumentare le pene per evitare circostanze che si possono trasformare in tragedia”.

L’assessore alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù del Comune di Roma, Laura Marsilio, ha dichiarato in una nota a tal proposito: ”Ancora più grave è che episodi di bullismo di questo tipo dove vengono a mancare totalmente il rispetto e i valori, fino a sconfinare in azioni gratuite di violenza, accadano nelle scuole, luogo deputato assieme alla famiglia alla primissima educazione e crescita dei ragazzi. Pertanto e’ necessario intervenire sia con azioni di supporto agli insegnanti che si trovano a fronteggiare una situazione tutt’altro che semplice, sia attraverso il coinvolgimento dei giovani studenti in Progetti capaci di sensibilizzarli verso il rispetto reciproco e la ‘ripresa’ dei valori”.

Liberation Fest: tra punk e partigiani romani

liberationfestTrasmettere, soprattutto ai più giovani, quella tensione etica, lo spirito ribelle che hanno animato i resistenti dai quali tutto dovrebbero trarre ispirazione: questo è il compito che si è posto il Liberation Fest. Due giorni di incontro, concerti, dibattito, mostre fotografiche. Ricostruire la storia personale e collettiva di partigiani e antifascisti della Città eterna. Ispirarsi a quello che è stato per le battaglie del domani.

Il Liberation Fest si avvale di materiali d’epoca, giornali di lotta, profili biografici di uomini, operai, soldati, studenti, combattenti valorosi caduti nelle carceri, sotto tortura, nelle camere a gas, nei campi di concentramento. Affinché la riflessione sulla complessa natura del movimento partigiano non si esaurisca necessariamente all’interno dell’interpretazione di maniera e interclassista propria di certa vulgata istituzionale sulla resistenza, nelle stanche e poco convinte commemorazioni ufficiali, o peggio venga viziata da un sempre maggiore ed ingombrante revisionismo storico, trasversale e truffaldino, il cui scopo poco nobile e’ quello di capovolgere il piano dialettico della realta’ storica confondendo le vittime coi carnefici, equiparando criminali prezzolati e combattenti per la libertà.

Durante la due giorni una mostra fotografica sulla resistenza romana, la proiezione del film “Nella città perduta di Sarzana” di Luigi Faccini e la presentazione di due libri editi da Purple Press: “Libretto Rosso dei Partigiani” e “La legione romana degli Arditi del Popolo” di Valerio Gentili. Entrambe le serate invece vedranno alternarsi sul palco band storiche punk, ska, oi!, hc tutte legate dal filo rosso dell’antifascismo: dai leggendari RED ALERT, ai torinesi STILITI passando per i capitolini SHOTS IN THE DARK e molti altri ancora.

25 aprile:
RED ALERT (punk/Oi! legends – UK)
SHOTS IN THE DARK (ska – Roma)
FIVE BOOTS (hc – Perugia)
GIMPFIST (punk rock – UK)
CONCRETE BLOCK (hc – Torino)
GOZZILLA E LE 3 BAMBINE COI BAFFI – (agro punk) _GIUDA (punk rock, ex Taxi – Roma)
Dalle 16.00 presentazione dei libri “Libretto Rosso dei Partigiani” (ed. Purple Press) e “La legione romana degli Arditi del Popolo” (di Valerio Gentili, ed.Purple Press).

C.S.O.A. LA STRADA
Via Passino 24 – Roma
infoline: 06 51607784; liberationfest@gmail.com
Ingresso: 6 euro