Lillo e Greg, intrappolati nella commedia

lillo e greg

La coppia di Lillo e Greg continua a stupirci e a farci divertire.
Sono in scena da ieri 19 gennaio e resteranno sul palco del Brancaccio sino al 7 febbraio 2010 con Intrappolati nella commedia, uno spettacolo davvero misterioso ed esilarante.

Cosa vedremo?

La coppia di Lillo e Greg fanno un sopralluogo per la loro commedia quando intravedono sul palco la scenografia di Una moglie per Thomas, lo spettacolo andato in scena precedentemente. All’improvviso si accendono le luci e si ritrovano intrappolati in questa commedia.

Cosa succederà?

Foto by flickr.com
utente superpendolare

Al teatro Brancaccio di Roma uno spettacolo sulla Banda della Magliana

Raccontarsi a teatro dopo aver vissuto esperienze fuori dal comune che segnano un destino e possono servire di monito per le nuove generazioni. Questa è l’intenzione di Renzo Danesi, appartenuto alla banda della Magliana e detenuto in semilibertà nel carcere romano di Rebibbia. Renzo è pronto a misurarsi con il palcoscenico grazie alla Compagnia Teatro Stabile Assai, composta da detenuti, ex detenuti e professionisti, che dal 1982 opera nel contesto penitenziario. Lo spettacolo «Roma, la capitale», in scena stasera alle 21 al Brancaccio in unica replica con la regia di Caterina Venturini, offre uno spaccato degli anni Settanta fra criminalità e terrorismo con una scrittura drammaturgica di stampo pasoliniano, elaborata da Antonio Turco e Sandra Vitolo, che vede il contributo di Danesi come coautore.

Ragazzi perbene e batterie della Magliana si incontrano in quadri scenici che alternano canzoni di Gabriella Ferri quasi inedite a brani e sonorità dell’epoca. Il pubblico dal vivo sarà il destinatario privilegiato della confessione di chi, come Danesi, vuole condividere e commentare il suo passato per consigliare agli altri una vita diversa e garantire a se stesso una svolta liberatoria e rasserenante.

Renzo dice che, da adolescente, a 13 anni, aveva recitato al Festival dei Due Mondi di Spoleto nello spettacolo “La zattera della medusa”, poi replicato al Teatro dei Servi. Ma poi la vita lo ha portato in ben altra direzione e non ci ha mai più pensato. Adesso ha la possibilità di vivere sul palcoscenico un’esistenza insolita di se stesso. Ha avuto la possibilità di lavorare in diversi spettacoli, fra cui “Il canto di Natale”, e ora qui collabora anche come autore.

Teatro Brancaccio
Via Merulana 244
Tel. 06 98264500